Lieve

Piccolo mio sollievo
Ti ho scrutata a lungo
Fin dai primi giorni.
Così fresca e piumata
Hai salito scale lontane
E cullato i miei occhi.
Sei stata chiave
Di enigmi segreti
Che ti ho voluto
Dolcemente sussurrare.
Lunghi capelli
Di materiali preziosi
Snodavi allegra
Nel mio ricordo privato.
Affascinato da te
Ti terrò sempre
In memoria.

Noi, bambine

Temo il ricordo
di noi, bambine,
piccoli semi
piantati vicini.
Tutto cresce ma
la tua ombra mi copre,
mi soffoca,
mi rende debole.
Non è l’ombra
di una nuvola
che protegge dai raggi.
Tu mi uccidi.
Sei pioggia acida
che corrode ogni ricordo.
E’ tardi ora.
Gocce incessanti
solcano il volto,
annego,
fradicia del tuo veleno.
Anime fredde, le nostre,
incapaci al perdono
destinate al silenzio.